Festival TuMìAmì III Edizione

III Festival Internazionale dell’Intercultura Solidale TumìAmì
Tumìamì logo

Il Festival Internazionale dell’Intercultura solidale TumìAmì giunge alla terza edizione facendo tesoro dell’esperienza e del successo degli anni precedenti. Le sedi che ospiteranno le tappe del TumìAmì, fuori dalla Sicilia, sono dislocate sul territorio nazionale e internazionale.

Programma del III festival Dell’Intercultura Solidale Tumìamì

(Il programma è in via di definizione e potrebbe subire delle variazioni)

5 Dicembre
Sala Rossa
Palazzo dei Normanni

CONFERENZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE

TAVOLO TECNICO: “Global Progress”
Il tavolo Tecnico, inserito all’interno del festival TuMìAmì ha lo scopo di promuovere la condivisione tra l’Italia e i Paesi del Sud del Mondo, in particolare con il Bangladesh (ma anche Nigeria, Ghana, Costa d’Avorio, Madagascar, Nepal), con cui sono già state attuate buone prassi di collaborazione negli ambiti: Salute, Istruzione e Occupazione attraverso “Progetti di sviluppo sostenibile”.

6 Dicembre
PALERMO
Teatro Politeama

– GRAN GALA’ D’APERTURA
Alle ore 21 presso il teatro Politeama si svolgerà il Gran Galà musicale, durante la serata artistica si ufficializzerà il gemellaggio tra le due realtà museali delle province di Enna e Palermo.
Uno spettacolo multiculturale durante il quale si esibiranno artisti che rappresenteranno la tradizione musicale della Nostra Sicilia insieme ad artisti internazionali, che eseguiranno musiche e danze della propria terra.
La direzione artistica del festival è affidata al maestro Pippo Balistreri (Direttore di scena di Sanremo dal 1981 ad oggi) e vedrà la partecipazione della RAI.

Programma:

 Compagnia “Tango Disìu – Le Musiche Dei Porti”

 Flamencas Associazione Culturale Alameda

 Aighiri Nandhini Danze Tradizionali dello Sri Lanka

 Jerusa Barros

 KarMa

 LaL Group Danze Tradizionali Filippine Tinikling e Karatong

 Mario Incudine

 N’tuppatedde Compagnia D’Arte Moderna di Sara Grupposo

 Olga Del Madagascar

 The Royals

 Street Chords

 Zahira Dance Company di Stefania Rao

13 Dicembre
Palermo – Agira
Museo di Cultura Materiale

– VISITA GUIDATA AL MUSEO DI CULTURA MATERIALE SAC. SILVESTRO NASCA

Il museo di cultura materiale e immateriale, è ubicato in un antichissimo paese dell’entroterra siciliana: Agira, è senza dubbio il più completo e il migliore da un punto di vista organizzativo.

Il Museo è stato realizzato dai cittadini locali nella parte alta del Paese, sotto il castello, in esso sono rappresentati ambienti di vita domestica e del mondo contadino con i vari arnesi per lavorare i campi; le botteghe del fabbro; del lattoniere; dello scalpellino; del muratore ; del falegname; del sarto; del barbiere; del calzolaio; del commerciante; del minatore; lo stagnino; il vasaio; antichi strumenti musicali e bellici; importanti documenti storici e fotografici; la riproduzione di un antica abitazione contadina con annessi corredi (mobilia, biancheria, utensili vari, ecc); la riproduzione di un antico “catoio” (magazzino e mangiatoia della civiltà rurale) con relativi strumenti.
Il museo, quindi, vuole rendere onore a una società passata, affinché possa diventare uno strumento educativo per le generazioni future e detentore della “Memoria”.

www.museoagira.com

La visita al MUSEO di Agira, sarà curata da un esperto di beni demoetnontropologici e a seguire degustazione di prodotti tipici locali.
Ascolto di poesie della tradizione Siciliana a cura di uno storico locale. L’evento sarà aperto al pubblico con ingresso gratuito dalle 15:00 alle 19.00. Per tale iniziativa è prevista una delegazione della comunità marinara di Aspra in visita al Museo di Agira.

12 Dicembre- 18 Dicembre

PALERMO

Presentazione Itinerari del progetto Tumìamì: Intercultural youth exchange for reciprocity, integration and interaction among cultures. ERASMUS+ TuMìAmì è uno scambio giovanile che vedrà il coinvolgimento di ragazzi provenienti da 7 Paesi diversi: Lituania, Estonia, Spagna, Armenia, UK, Serbia e Italia, nell’ambito del programma della Organizzazione Umanitaria Internazionale 6 Commissione Europea, Erasmus+. Lo scambio si terrà a Palermo dall’8 al 21 Dicembre 2015. Tra il 12 e il 18 dicembre verranno proposti al pubblico 5 itinerari culturali che mostreranno alcuni aspetti visibili di diverse culture europee e non.

1° Itinerario_ La via dei sapori: il percorso intende mostrare e approfondire le abitudini alimentari, i cibi e i piatti tradizionali di diverse culture;

2° Itinerario_ La via delle spezia e dei profumi: il percorso intende mostrare e fare odorare spezie frequentemente utilizzate da alcune culture e che tendono a caratterizzare i gusti di un popolo;

3° Itinerario_ La via delle favole e delle fiabe: il percorso intende raccontare e mostrare fiabe e favole provenienti da diversi paesi dalle quali è possibile identificare e approfondire diversità, similarità, peculiarità e caratteristiche di culture diverse;

4° Itinerario_ La via delle danze e della musiche: il percorso intende mostrare balli folkloristici e musiche presenti in diverse culture facendosi così trasportare dalla ritmicità e musicalità che caratterizzano un popolo;

5° Itinerario_ La via del linguaggio: il percorso intende mostrare alcune peculiarità culturali in merito a suoni onomatopeici, linguaggio verbale e non verbale, tra cui la gestualità e le consuetudini nel salutarsi.

20 Dicembre
Aspra (PA)
Museo dell’Acciuga

– VISITA GUIDATA AL MUSEO DELL’ACCIUGA DI ASPRA E FESTA DI CHIUSURA
Il Museo dell’Acciuga, è il luogo privilegiato per la scoperta delle radici marinare e racconta le tradizioni delle famiglie marinare..
Il Museo è ubicato in una piccolo borgo marinaro, Aspra in provincia di Palermo. Questo museo, unico nel suo genere, racconta le tradizioni della pesca. Tra foto d’epoca, conchiglie e lampare, si promuove Aspra e il suo prezioso pesce azzurro.
Il Museo dell’Acciuga è un doveroso riconoscimento a questo piccolo pesce, l’acciuga, che ha regalato e continua a regalare una grande popolarità nel mondo al piccolo paese, Aspra.
Lo scopo è recuperare e difendere la tradizione locale della conservazione dell’acciuga salata, grazie ad una accurata ricerca di materiale e documenti storici. Il piccolo museo è, ogni anno, meta di numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo.
La visita al Museo di Aspra sarà a cura di un esperto di beni demo-etno-antropologici e sarà seguita da una festa di chiusura.
Durante questo evento si alterneranno momenti di musica popolare, reading di poesie siciliane,
degustazione delle acciughe e scambio interculturale con i seguenti paesi: Regno Unito, Spagna, Estonia, Serbia, Lituania, Armenia, Filippine, Madagascar, Ghana, Bangladesh, Costa D’Avorio, Gabon.
Saranno coinvolti 35 giovani di diverse nazionalità, presenti a Palermo per un progetto del Programma Erasmus+. In particolare sarà realizzato un workshop specifico sull’acciuga e la sua storia e lavorazione e durante la serata ci saranno momenti dedicati allo scambio di conoscenze ed esperienze (racconti, leggende, tradizioni, canzoni) legate al mare nei diversi Paesi partecipanti.
La terza edizione del festival sarà inoltre occasione per presentare il “Concorso internazionale di arti ed espressioni creative solidali” che darà modo ai partecipanti di cimentarsi su un percorso che, partendo dal tema dell’accoglienza, percorrerà la strada dell’ospitalità, della condivisione e della relazione per approdare al senso più profondo della donazione. Cinque tematiche interconnesse, che potranno essere sviluppate dai concorrenti a piacimento attraverso i linguaggi della scrittura, della fotografia, del video e delle opere grafiche e artistiche. Nello specifico, chi sceglierà la scrittura, dovrà presentare un elaborato in forma di racconto, ma anche di copione cinematografico e teatrale, o proposta progettuale ,che vada dalle 2 alle 4 cartelle; per quanto riguarda la fotografia, il “racconto” di un percorso di solidarietà, attraversato dalle tappe di cui sopra, dovrà essere compiuto attraverso 3 o 4 immagini; il video dovrà essere un corto di 10 minuti; l’opera grafica la libera interpretazione dell’artista del senso profondo della manifestazione. Al concorso potranno partecipare tutti i maggiorenni, senza discriminazione di sesso, religione, cittadinanza, anche perché il suo carattere sarà internazionale e coinvolgerà i Paesi in cui la “Life and Life” opera. Ci saranno diversi riconoscimenti per le opere particolarmente meritorie, ma il premio per il primo posto assoluto sarà un viaggio in Bangladesh. Il vincitore si impegnerà nel proprio ambito a realizzare un reportage sulla missione della “LIFE and LIFE” in Bangladesh. Tutte le opere presentate saranno acquisite dalla “LIFE and LIFE” che, con esse, andrà a realizzare iniziative di beneficenza finalizzate a portare avanti e realizzare i progetti che la caratterizzano, come le raccolte fondi per sostenere le spese di vitto e alloggio dei bambini, della cui cura e assistenza l’organizzazione si occupa sin dalla sua nascita.